L’etica al centro

Codice di Condotta Vogliamo che tutte le nostre persone svolgano le loro attività quotidiane e interagiscano tra loro e gli altri secondo valori, aspettative e principi etici che abbiamo condiviso nel nostro Codice di Condotta. Il documento rappresenta la nostra guida per agire in modo corretto: ci aiuta a fare delle scelte in modo coerente e ci permette di continuare a lavorare in un ambiente in cui si può fare affidamento su franchezza, trasparenza e imparzialità.

www.generali.com/it/
our-responsibilities/ responsible-business/
code-of-conduct
Chiediamo ai nostri manager di essere modelli di riferimento del Codice e di fare sì che i loro collaboratori si sentano liberi di chiedere se un certo comportamento o proposta commerciale sia in linea con i nostri valori e i principi del nostro Codice.

Tutti sono invitati a esprimere le proprie preoccupazioni o chiedere chiarimenti su qualsiasi aspetto del nostro Codice. Abbiamo messo a disposizione canali di comunicazione sia a livello locale che di Gruppo per le persone che desiderino segnalare - anche in forma anonima, laddove la legge lo permette - eventuali dubbi su determinati comportamenti in tutti i Paesi in cui operiamo. La riservatezza è garantita e abbiamo tolleranza zero per qualsiasi forma di ritorsione.

311 segnalazioni effettuate tramite la nostra helpline nel 2015 *

Continuiamo a diffondere internamente i nostri principi etici e a migliorare la conoscenza dei diversi temi trattati nel Codice di Condotta attraverso articoli pubblicati nella intranet di Gruppo e in quelle locali. La nostra serie di cartoni animati e articoli umoristici denominata Let’s talk ethics è stata pubblicata mensilmente e si è conclusa a novembre 2015 trattando dei regali e delle forme di intrattenimento.

Una nuova serie di video a cartoni animati denominata Our Code in brief è stata pubblicata a partire da luglio 2015. Si tratta di video formativi, della durata di 5 minuti ciascuno, che offrono alle persone la possibilità di approfondire e migliorare la conoscenza di temi specifici del nostro Codice.

Abbiamo inoltre distribuito, in via sperimentale in alcune società durante l'Integrity week, l’Our Code - My Notebook, un quaderno in cui i dipendenti possono prendere i loro appunti quotidiani contenente il nostro Codice stampato nella parte anteriore e un promemoria dei canali per la segnalazione di violazioni. Visto il successo del progetto pilota, il quaderno è stato incluso nel pacchetto di benvenuto per i nuovi assunti.

Integrity week

Nella prima settimana di novembre 2015 abbiamo lanciato l’Integrity week, una campagna globale con iniziative volte a far conoscere il nostro Codice. Oltre a campagne online destinate a tutto il Gruppo, ogni Paese ha offerto una propria declinazione locale (incontri al caffè, segnaletiche, video formativi, ecc.). L’Integrity week è stata inoltre l’occasione per evidenziare i rischi di conflitti di interesse o di corruzione legati allo scambio di regali o di forme di intrattenimento (ad esempio, buoni, sconti o trattamenti speciali e inviti a colazioni di lavoro, banchetti e eventi sportivi). Ci atteniamo al principio secondo il quale non deve essere offerto o accettato alcun regalo con l'intento o l'aspettativa di ottenere o mantenere affari, o un vantaggio di business, o in cambio di favori o benefici di alcun tipo. Ammettiamo quindi soltanto regali e forme di intrattenimento di esiguo valore, adeguati alle circostanze, attinenti all’attività lavorativa, consentiti dalla normativa locale e conformi alle prassi commerciali in uso. Per questo è stata anche realizzata una campagna informativa con adesivi applicati ai pacchetti ricevuti dai dipendenti nel mese di dicembre che segnalavano di verificare che il contenuto fosse conforme alle regole aziendali. Per quanto riguarda il rapporto con funzionari pubblici, abbiamo specifiche disposizioni secondo le quali è necessaria l’autorizzazione di un Compliance Officer per qualsiasi regalo o forma di intrattenimento.

Il Codice di Condotta tratta anche il riciclaggio di denaro e il finanziamento al terrorismo, ormai priorità emergenti in tutto il mondo. Anche noi siamo impegnati in questa lotta internazionale. Vogliamo proteggere sia il nostro Gruppo da potenziali perdite finanziarie e da danni reputazionali, sia il nostro futuro. Siamo dotati di una Policy Antiriciclaggio e Anti-terrorismo di Gruppo e di una Policy sulle Sanzioni Internazionali, che definiscono standard minimi comportamentali cui le nostre società si devono attenere e che recepiscono i principi della regolamentazione europea e internazionale. Abbiamo inoltre implementato in tutte le nostre società, laddove applicabile, tool automatici per le attività di screening anti-terrorismo, al fine di bloccare l’instaurarsi di rapporti con persone presenti nelle liste internazionali di terrorismo o qualsiasi tipo di pagamento che possa contribuire a finanziare attività terroristiche. Abbiamo infine definito un Group Compliance Program contenente gli standard minimi di controllo per la mitigazione dei rischi relativi a riciclaggio di denaro, finanziamento del terrorismo e violazione di sanzioni internazionali, che verranno adottati da tutte le società assicurative del Gruppo nel corso del 2016.

Reti di vendita Una pratica piuttosto diffusa nel business assicurativo è la frode, ossia ogni atto intenzionalmente compiuto, direttamente o per il tramite di terzi, da soggetti interni (dipendenti e intermediari) o esterni (fiduciari come periti o medici legali, clienti, danneggiati ed ogni altro terzo), in maniera illecita, finalizzato a procurare per sé o per altri un ingiusto profitto ai danni delle società di assicurazione.
Ci impegniamo pertanto nel reprimere ogni Un'assistenza che
non finisce mai
attivitàche possa essere definita fraudolenta, operando nel rispetto della legge e dei regolamenti interni ma anche di più elevati standard etici, promuovendo la diffusione della cultura della legalità e dell’integrità morale e adottando le più opportune modalità organizzative e operative.

49.358 dipendenti che hanno finora completato il corso sul Codice di Condotta

Riteniamo fondamentale sensibilizzare e formare le nostre persone sui temi trattati nel nostro Codice di Condotta. Tutti i dipendenti devono svolgere in modalità e-learning il corso introduttivo al Codice di Condotta della durata di circa un’ora e coloro che lo hanno svolto più di un anno fa dovranno seguire un corso di aggiornamento a partire dal 2016. Inoltre, nel 2016 ai manager sarà destinato un corso per diventare modelli di riferimento comportamentale del Codice.

Stiamo completando la preparazione di un training specifico da destinare nel 2016 ai dipendenti che lavorano in aree a rischio, come per esempio coloro che gestiscono i rapporti con i fornitori nelle attività di acquisto di beni e servizi, al fine di migliorare la loro comprensione degli standard di comportamento che richiediamo, in particolare in relazione ai conflitti di interesse, alla corruzione e al trattamento delle informazioni riservate.

483 sottoscrittori del codice di condotta specifico per chi lavora in aree a rischio

Tale categoria di dipendenti ha nel frattempo preso visione e sottoscritto il codice di condotta specifico per loro.

Offriamo inoltre una formazione adeguata e continua ai nostri dipendenti che possono più facilmente venire in contatto con quei fenomeni e pratiche corruttive riscontrabili nel settore assicurativo. L’obiettivo è di fornire loro elementi necessari per identificare e gestire attività potenzialmente connesse alla frode e al riciclaggio di denaro e finanziamento al terrorismo. Nel 2015 abbiamo così organizzato alcuni workshop dedicati alla lotta al terrorismo, a cui hanno partecipato le strutture di compliance delle società dell’Europa centro-orientale e dei Paesi appartenenti a EMEA, Asia e Americas, e supportato le strutture di compliance nel mondo mediante la preparazione e condivisione di materiale e visite in loco.

** di cui 72 finora sono risultate fondate e hanno comportato l’adozione di misure disciplinari, la cessazione del rapporto di lavoro o la risoluzione dei contratti, a seconda della parte coinvolta (dipendente/business partner) e della gravità del fatto.

* Un numero contenuto di episodi fraudolenti commessi da dipendenti o business partner delle nostre società è stato anche diversamente intercettato e gestito