Diversità e inclusione come ricchezza

Valorizziamo le nostre persone anche attraverso la promozione della diversità e di ogni processo di inclusione che possa favorirla, perché le consideriamo entrambe preziose opportunità di arricchimento, ufficializzandole nel nostro Codice di Condotta e radicandole nei nostri valori. Gestiamo quindi le nostre risorse con un approccio integrato, volto a creare un ambiente di lavoro inclusivo capace di favorire l'espressione del potenziale individuale e di utilizzarlo come leva strategica per il raggiungimento degli obiettivi organizzativi.

Il nostro network per promuovere diversità e inclusione

Stiamo creando un network globale per sviluppare una strategia comune su diversity & inclusion. Il nostro impegno è rivolto anche al sostegno e alla promozione della diversità di pensiero, come leva sempre più importante per raggiungere obiettivi economici, ideare prodotti innovativi e tecniche commerciali in grado di favorire un vantaggio competitivo nel mercato.

È stato realizzato un primo focus group con la finalità di identificare un piano d'azione che ha portato a individuare tre direttrici principali: creare consapevolezza per favorire e apprezzare le diversità, sfruttare le capacità interne per avere un impatto significativo sul business e svilupparne nuove per garantire una pipeline di talenti per il futuro, nonché implementare sistemi e processi per creare un ambiente di lavoro sempre adattabile ai bisogni delle diverse persone.

Le iniziative specifiche per la diversità di genere hanno avuto un forte apprezzamento, in particolare nell’ottica di migliorare la presenza femminile nei ruoli di leadership. L’importanza di ampliare i programmi per l’inclusività e la sensibilizzazione sulla diversità, evidenziata anche nei risultati finali di tali attività, si sono poi tradotte anche nella definizione dell’unità Diversity and Inclusion all’interno della struttura Leadership Development and Group Academy.

Women's hub

Lo sviluppo dei temi e delle azioni collegate alla diversità di genere è proseguito nel 2015 con l’implementazione del Global Leadership Program - Women’s Hub, progettato dalla Group Academy in partnership con l'International Institute for Management Development (IMD), una delle più prestigiose Business School nel mondo, prima nelle classifiche per i programmi executive. Le 28 partecipanti, membri del Global Leadership Group (GLG) e senior manager a livello mondiale, sono state condotte in un’esperienza di apprendimento e di trasformazione attraverso momenti di autovalutazione, discussioni, apprendimento esperenziale ed executive coaching. Tali attività hanno portato allo sviluppo ulteriore del loro potenziale di leadership nell’ottica di una migliore realizzazione nell’attuazione dei compiti correntemente assegnati così da diventare assegnatarie di ruoli di maggiore responsabilità. I principali obiettivi del programma sono stati:

  • sostenere le donne nel loro sviluppo di carriera, rafforzandone le principali competenze manageriali
  • migliorare la loro consapevolezza e le loro competenze in qualità di role model nella logica di sviluppare giovani talenti
  • dare alle donne in posizioni senior la possibilità di avere visibilità. 
Il programma di tre giorni ha offerto alle partecipanti l'opportunità unica di creare una comunità di donne che servirà da modello per altri colleghi, con l'obiettivo di sostenere il nostro Gruppo nel percorso intrapreso per raggiungere un miglior equilibrio in termini di genere.

Women's Mentoring Programme

Il primo Women’s Mentoring Programme è stato avviato a Parigi a settembre 2014 e concluso con successo a Milano a giugno 2015. Il programma, sviluppato in 9 mesi, ha coinvolto dieci donne appartenenti al Global Leadership Group (GLG) nel ruolo di mentori di 12 colleghe manager. Le partecipanti hanno ricevuto gli strumenti per identificare i propri bisogni di sviluppo, mentre le mentori sono state sostenute da coach dedicati che le hanno aiutate a svolgere il loro ruolo e a raggiungere gli obiettivi identificati.

Partnership con associazioni per attività di tutoring

In Francia abbiamo avviato due nuove collaborazioni con Capital Filles e con Passport avenir, associazioni che sostengono giovani donne provenienti da aree economicamente svantaggiate nei percorsi accademici e professionali. In particolare, 20 dipendenti si sono adoperate come tutor per individuare i comportamenti più adatti, sviluppare le capacità personali e acquisire fiducia in modo da intraprendere un percorso di carriera.

L'occupazione delle persone con disabilità

Oltre a rispettare le normative locali che tutelano l’impiego di persone con disabilità sia dal punto di vista sociale che occupazionale e che regolano l’inserimento lavorativo e le varie tutele nel corso dell’attività, ci impegniamo a garantire le migliori condizioni ambientali, attraverso l’abbattimento delle barriere architettoniche, e a favorire l’inclusione, attraverso iniziative per migliorare l’autonomia e l’integrazione.

Settimana per l'occupazione delle persone con disabilità

Dal 2008 Generali è partner della Settimana per l'occupazione delle persone con disabilità a fianco di ADAPT, L'association pour l’insertion sociale et professionnelle des personnes handicapées. L’iniziativa, sostenuta dal Parlamento Europeo e avviata dalla conferenza di Parigi, è realizzata in collaborazione con il network di partner coinvolti. Durante la settimana vengono sviluppate diverse attività per la sensibilizzazione sul tema della disabilità attraverso campagne pubbliche, pubblicazioni su social media, spot televisivi e radiofonici.

TREMPLIN

La politica sulle disabilità in Generali France prevede un impegno costante nel reclutamento delle persone, che si è esteso nel corso del tempo a un numero sempre maggiore di professionalità, e nella loro integrazione a supporto dello sviluppo dell’occupazione. Tutto ciò è reso possibile dalla partnership con TREMPLIN (Etudes - Handicap - Entreprises), un’associazione che mette in contatto gli studenti disabili e le imprese per attività di apprendistato e di tirocinio a sostegno di corsi di formazione e per lo sviluppo delle future carriere lavorative.

oltre 250 persone con disabilità dal 2006

In particolare, Generali France partecipa alle riunioni mensili rivolte ai membri e a tre forum per l’occupazione, dedicati a stage, tirocini e prima occupazione.

Futura, ovvero cambiare prospettiva

In Italia è stato avviato nel 2014 il progetto Futura. Nelle fasi iniziali è stata condotta una ricerca sulla percezione del cambiamento tra le persone a seguito del consolidato incremento dell’aspettativa di vita e quindi del ritardo nel raggiungimento dell’età pensionabile. Il progetto si rivolge ai dipendenti, per sostenerli nella ridefinizione del loro ruolo lavorativo, e alle singole società, per individuare le modalità più appropriate per favorire il processo di cambiamento e adeguamento alle nuove esigenze. I risultati della ricerca sono stati discussi in riunioni plenarie a cui hanno partecipato più di 600 dipendenti. Durante gli incontri sono stati presentati i dati emersi e, attraverso il coinvolgimento dei presenti, sono state individuate le possibili azioni da sviluppare.
Dai risultati sono emerse alcune necessità: valorizzare le competenze - anche in un’ottica intergenerazionale, innovare, introdurre forme di apprendimento e rilancio del ciclo professionale e fornire gli strumenti alle persone per ripensare il proprio ruolo in azienda. In una seconda fase è stato chiesto ai dipendenti di proporre idee e progetti da realizzare, raccogliendo oltre 200 proposte, mentre i membri della community Futura hanno partecipato attivamente con quasi 1.900 post in pochi mesi. A settembre 2015 sono stati avviati 10 gruppi di lavoro a cui partecipano 120 dipendenti coadiuvati da un business angel (un top manager che guida la realizzazione del progetto secondo le linee strategiche del Gruppo) e da mentori (manager che forniscono supporto operativo). I dipendenti hanno così la possibilità di collaborare con persone di diverse aree, età e sedi incrementando le capacità di project management, problem solving, team building, team working, consapevolezza organizzativa e competenze digitali.

* I dati si riferiscono al perimetro del Rapporto di sostenibilità (Austria, Francia, Germania, Italia, Repubblica Ceca, Spagna e Svizzera)