Impegno pubblico

Investiamo nella ricerca e nell'innovazione

Possiamo dare un contributo educativo e d’informazione, aiutando le persone e i Governi a comprendere meglio i rischi del cambiamento climatico, rendendoli consapevoli e cercando di fornire un supporto sia per la loro mitigazione che per le azioni di adattamento. Crediamo nell’importanza dell’innovazione in questo ambito e siamo impegnati nell’investimento per la ricerca. Partecipiamo a numerose iniziative e a gruppi di lavoro su temi ambientali associati al cambiamento climatico.

Una mongolfiera per l’ambiente

Dal 2013, in Francia, è stato avviato il progetto Observatoire Atmosphérique Generali, in collaborazione con AIRPARIF, l'associazione per la sorveglianza della qualità dell'aria, e il Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica (CNRS). Ancora per i prossimi 2 anni, una mongolfiera si alzerà nel cielo di Parigi promuovendo il marchio Generali con uno scopo scientifico e didattico. L’Observatoire Atmosphérique Generali costituisce il primo laboratorio urbano volante, che permette di studiare con precisione e in tempo reale, 24 ore su 24, la qualità dell’aria a 150 metri di altezza dal suolo. La mongolfiera raccoglie i dati e li invia al centro elaborazione dell’AIRPARIF, fornendo così ai suoi ospiti, attraverso pittogrammi colorati, un ritratto di Parigi che cambia continuamente colore in base al livello di inquinamento dell’aria. L’Observatoire Atmosphérique Generali è aperto al pubblico ogni giorno dalle 9 al tramonto e, accanto alle visite turistiche a pagamento, offre a ragazzi e bambini delle scuole parigine (circa 6 mila ogni anno) la possibilità di osservare gratuitamente dall’alto la capitale, favorendo la consapevolezza dell’importanza della qualità dell’aria attraverso panelli interattivi e padiglioni informativi.

Una strategia per fronteggiare i disastri naturali

Abbiamo finanziato la ricerca La valutazione economica dei disastri naturali in Italia, un progetto interdisciplinare, in partnership con tre istituti del Consiglio Nazionale delle Ricerche, la sezione milanese dell'Istituto Nazionale di Geofisica e un centro interuniversitario di ricerca sull'economia delle risorse e dell'ambiente. L’obiettivo del progetto è fornire gli strumenti valutativi per la stima del rischio secondo una metodologia definita, sulla base di modelli di valutazione delineati ex-ante e tali da fornire indicazioni sull’efficacia delle misure di mitigazione e prevenzione.

Il progetto prevede la focalizzazione iniziale su terremoti e frane e si indirizza a quattro livelli di valutazione:

  • quantificazione (ex post) del "costo", privato e sociale, dei disastri naturali avvenuti in Italia
  • valutazione del rischio di costo economico-sociale (ex ante)
  • valutazione economica delle politiche di prevenzione/ mitigazione
  • possibile ruolo degli schemi assicurativi, in connessione con gli investimenti in prevenzione/mitigazione, come parte di una strategia nazionale per i disastri naturali

Fisica teorica e i terremoti

Nel mese di novembre 2015 abbiamo siglato un accordo con l’ICTP, Centro Internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam (ONU), la prima e più importante istituzione scientifica a livello globale nell’ambito della ricerca e trasferimento delle conoscenze verso i Paesi emergenti e in via di sviluppo, anche sulla base di simulazioni condotte su calcolatori ad alte prestazioni.
È una partnership innovativa, che ha l’obiettivo di supportare un progetto triennale di studio, analisi e prevenzione dei fenomeni sismici. La peculiarità dell’accordo è quella di mettere a fattor comune le rispettive competenze, creando le sinergie per sviluppare una migliore conoscenza del rischio sismico nelle aree esposte e produrre benefici da una maggiore diffusione della cultura della prevenzione. Il progetto è tra i più significativi esempi di cooperazione in Italia tra un gruppo assicurativo e un’istituzione scientifica nello studio dei terremoti. Lo studio si concluderà nel 2018 con la presentazione dei risultati della ricerca. Per noi il progetto sarà inoltre un'opportunità per valutare l’esposizione al rischio sismico nei Paesi in cui siamo presenti e rispondere in modo sempre più puntuale alle esigenze specifiche della clientela di determinati territori.

Una app per le previsioni del tempo

In Austria abbiamo lanciato un’applicazione meteo gratuita, con previsioni fino a otto giorni su temperatura, nuvolosità, precipitazioni, velocità e direzione del vento, e con una funzione di allerta in caso di forte maltempo per favorire la protezione preventiva di persone e beni. L’applicazione si basa su HORA (Natural Hazard Overview & Risk Assessment Austria), un sistema di mappatura dell’Austria sviluppato dal Lebensministerium (Ministero federale dell`Agricoltura, della Silvicoltura, dell'Ambiente e della Gestione delle acque) in collaborazione con l’Associazione austriaca delle imprese assicuratrici (VVO). Il sistema si focalizza sull’analisi di piogge intense, violente grandinate, inondazioni e terremoti.

Dialoghiamo e collaboriamo con istituzioni nazionali e internazionali

Abbiamo sottoscritto alcune delle principali iniziative internazionali:

  • il Programma Climate Change di CDP, prestigiosa organizzazione britannica cui aderiscono 822 investitori nel mondo con $ 95.000 miliardi di asset gestiti e il cui obiettivo è quello di migliorare la gestione dei rischi ambientali facendo leva sulla trasparenza informativa 
  • il Climate Risk Statement di The Geneva Association, assumendo una serie di impegni comuni circa le misure da adottare per affrontare e mitigare i cambiamenti climatici
  • l’European Financial Services (EFR) Statement, a sostegno di una forte volontà dei membri di aumentare l’attenzione verso una riduzione dei rischi legati alle emissioni di CO2 e di accompagnare i consumatori verso un futuro a ridotte emissioni e vagliare come il settore finanziario può supportare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite
  • il Paris Pledge for Action, un’iniziativa che rappresenta un’opportunità per il settore privato di impegnarsi nell’attuazione dell’accordo di Parigi COP21.